Crolla la spesa degli italiani a tavola

supermercato_02_cibus

Alla ricerca delle promozioni e del low cost.

24  Agosto 2013 -

Crolla la spesa degli italiani a tavola dall’olio di oliva extravergine (-10 per cento) al pesce (-13 per cento), dalla pasta (-10 per cento) al latte (-7 per cento), dall’ortofrutta (-3 per cento) alla carne (-2 per cento). E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sugli effetti piu’ drammatici del calo del potere di acquisto provocato dalla crisi, sulla base dei dati Ismea-Gfk Eurisko relativi al primo semestre dell’anno che fanno registrare complessivamente un taglio del 4 per cento nella spesa alimentare delle famiglie italiane.

A calare c’è anche la spesa per l’acqua minerale (-6 per cento) e le bevande analcoliche gassate (-9 per cento) e non (-6 per cento) mentre ad aumentare – sottolinea la Coldiretti – è invece la spesa per le uova (+4 per cento) e per la carne di pollo naturale (+6 per cento) come sostituti delle carni piu’ care per garantire comunque un apporto proteico adeguato nell’alimentazione.

Si riscontra in maniera generalizzata, un calo della spesa superiore a quello dei volumi acquistati, che fa pensare – sostiene la Coldiretti – ad un orientamento delle famiglie verso prodotti in promozione o di prezzo inferiore. Una conferma – continua la Coldiretti – viene dal fatto che le vendite dei cibi low cost nei discount alimentari sono le uniche a far segnare un aumento nel commercio al dettaglio in Italia con un +1,3 per cento mentre calano tutte le altre forme distributive a partire dai piccoli negozi che fanno registrare un tonfo del – 4 per cento, gli ipermercati (-2,5 per cento) e i  supermercati (-1,8 per cento), nei primi cinque mesi dell’anno.

A cambiare è quindi purtroppo anche il livello qualitativo degli alimenti acquistati con un aumento della presenza di prodotti low cost che – conclude la Coldiretti – non sempre offrono le stesse garanzie di sicurezza alimentare.

(fonte coldiretti)

Mais OGM, la mozione di Barbati (IDV) in Regione Emilia Romagna

 

 Mais_cibus

Bologna, 27 agosto 2013 –

AGRICOLTURA. MAIS GENETICAMENTE MODIFICATO, MOZIONE BARBATI (IDV): REGIONE PRESIDI DIVIETO COLTIVAZIONE

La Giunta dovrà adottare ogni misura necessaria a presidiare, sull’intero territorio regionale, il “divieto di coltivazione del mais di qualità Mon 810 introdotto dal decreto del ministero della Salute del 12 luglio 2013”.
Lo chiede una mozione presentata dalla consigliera Liana Barbati (Idv), in cui si specifica che queste “misure cautelari provvisorie” sono state assunte dal ministero a fronte “dell’inerzia della Commissione europea”, a cui lo stesso ministero, unitamente a quello delle Politiche agricole, aveva richiesto “l’adozione di misure urgenti di prevenzione e contenimento dei rischi connessi alla coltivazione” di questo mais geneticamente modificato, che, secondo l’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) produrrebbe una “tossina in grado di incidere negativamente sulla salute, sull’ambiente e sull’agrobiodiversità”, “rischi tali da giustificare un rafforzamento delle misure di gestione e di sorveglianza” per “ridurre le possibili conseguenze” negative.
Barbati sollecita quindi la Regione a “proseguire nell’attività di vigilanza e controllo” circa la “diffusione delle colture geneticamente modificate e alla presenza di Ogm nell’alimentazione umana e animale”, sul territorio dell’Emilia-Romagna, “al fine di tutelare i consumatori, l’agricoltura, l’ambiente e la biodiversità”.
Nel documento, si invita infine Il Governo ad attivarsi in sede europea, e in particolare nei confronti del Consiglio della UE, perché sia “tempestivamente perfezionata la procedura legislativa ordinaria di approvazione della proposta di regolamento” “che modifica la direttiva 2001/18/CE per quanto concerne la possibilità degli Stati membri di limitare o vietare la coltivazione di Ogm sul loro territorio”.
Proposta della Commissione europea – si legge nella mozione – già approvata dal Parlamento di Strasburgo nella seduta del 5 luglio 2011, che, tuttavia, non è stata ancora approvata dal Consiglio dell’Unione, fatto che preclude il perfezionamento del procedimento legislativo e quindi l’approvazione del relativo regolamento. (AC)

 

Quarto caso di aviaria a Mordano

uova_GDE_cibus

  

La vicepresidente Saliera chiede al Governo l’abrogazione dei vincoli restrittivi di spostamento e commercializzazione di carni e uova e provvedimenti a tutela dei lavoratori degli allevamenti colpiti dal virus.

Bologna, 28 agosto 2013 –

La vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Simonetta Saliera ha inviato una lettera al presidente del Consiglio Enrico Letta e ai ministri Lorenzin, De Girolamo, Zanonato e Giovannini, in cui esprime soddisfazione per la conferma da parte della Commissione europea delle misure adottate dall’Italia e dalla Regione Emilia-Romagna per controllare i focolai di aviaria e in cui si augura una revisione dei provvedimenti ministeriali in allineamento a quanto contenuto nella direttiva comunitaria.

Pertanto, si chiede l’abrogazione dei vincoli restrittivi (che allargavano a tutta l’Emilia-Romagna i vincoli di spostamento degli animali e di commercializzazione con la sola eccezione delle carni e delle uova già imballate per il consumatore finale) sulle zone non interessate dai provvedimenti comunitari. Questo anche in considerazione del fatto che dal momento della conferma del primo focolaio è entrato in vigore un piano straordinario di controllo sugli allevamenti avicoli di tutto il territorio regionale in cui sono previste misure suppletive rispetto a quanto riportato dal piano di nazionale di controllo dell’influenza aviaria.

“Se sul fronte sanitario la prospettiva di diffusione della malattia al di fuori della filiera produttiva della specifica impresa coinvolta si può sperare sia contenuta se non arginata –  aggiunge Saliera –  l’impatto sull’economia regionale, determinato dalle drastiche e corrette misure restrittive sanitarie adottate in fase di emergenza, si sta rivelando sempre più preoccupante”. Da qui la richiesta al Governo di un provvedimento straordinario a tutela degli occupati del settore avicolo regionale gravemente danneggiato dai casi di influenza aviaria . “La gravità della situazione,  conclude Saliera -  richiede un intervento urgente a tutela del lavoro così come avvenuto anche a fronte dell’emergenza sisma dell’anno scorso, per assicurare a questi lavoratori agricoli una copertura delle giornate non lavorate a causa dell’aviaria”. (Un provvedimento analogo al decreto era già stato realizzato nel 2006 dal Ministero del Lavoro per l’allarme aviaria proprio per salvaguardare gli occupati del settore).

Saliera scrive infine che la Regione Emilia-Romagna resta a disposizione per continuare la proficua collaborazione sino ad oggi instaurata con le strutture ministeriali e il Centro di referenza nazionale e per valutare eventuali misure di controllo suppletive ritenute utili a fornire garanzie all’intero sistema produttivo nazionale.

Nel mentre è stato rilevato il quarto focolaio  Mordano per il quale si prevede  l’abbattimento di circa 150 mila capi e un abbattimento preventivo per un allevamento di tacchini a Portomaggiore.

Il Nuovo focolaio di influenza aviaria a Mordano, sul confine tra le province di Bologna e Ravenna,  è stato individuato a seguito dell’attuazione del Piano di controllo straordinario previsto dalla Regione in un allevamento di galline ovaiole, di proprietà Eurovo, gruppo titolare del primo focolaio di Ostellato (Fe) e dell’altro sito a  Mordano. L’accertamento del nuovo focolaio è avvenuto – precisa una nota della regione emilia romagna – grazie alla stretta rete di sorveglianza sanitaria messa in campo dalla Regione e alla collaborazione delle imprese di settore, proprio per garantire il contenimento dell’infezione all’indomani della scoperta dell’arrivo del virus in regione.
Dall’assessorato Politiche per la salute regionale riferiscono che “ Il diffondersi della malattia era prevedibile perché avvenuto nell’ambito della stessa azienda di produzione e a pochi chilometri dall’altro focolaio”. Le operazioni di abbattimento dei circa 150 mila capi inizieranno in giornata.
La Regione, per fronteggiare il nuovo caso di aviaria, ha già emanato un’ordinanza per l’attuazione delle misure straordinarie previste dalla normativa sanitaria europea e nazionale.
Nel frattempo è giunta anche l’autorizzazione dal Ministero per procedere all’abbattimento preventivo di un allevamento di tacchini situato nelle vicinanze del focolaio di Portomaggiore e Ostellato. Gli animali (65 mila circa) risultano negativi al virus ma l’abbattimento preventivo ha lo scopo di diradare la popolazione avicola sensibile alla malattia, per fare terra bruciata attorno al virus.
Prosegue intanto, in ottemperanza alle direttive assunte già la scorsa settimana, il monitoraggio degli allevamenti sotto il controllo dell’assessorato alle Politiche per la salute e il coordinamento di tutte le iniziative con gli assessorati all’Agricoltura e la Vicepresidenza per un’emergenza che, oltre ad essere sanitaria, ha risvolti economici importanti per questa regione. (Fonte Regione Emilia Romagna)

 

SOMMARIO Anno 12 – n° 34 26 agosto 2013

Cibus-NEW-on-line-LOGO-HD-1920x1080_cibus3

1.1 editoriale

I diversi volti della crisi

2.1 marketing

Il Volantino si fa digitale

3.1 Ho.re.ca

La crisi si vince con 1€

4.1 MAIS & Soia

Mais & Soia dati previsionali agosto 2013

5.1 bio

“Generoso” il pomodoro cuore di bue biologico di Alce Nero

6,1 sanita’

Allarme “West Nile Virus” nei comuni a nord via Emilia

6,2 meccanica’

Tractor of The Year 2014 – i finalisti

8.1 sanità

Influenza aviaria, il punto della situazione

9.1 Biologico 

In Emilia Romagna il Bio cresce del 10%